Alessandro BenedettiAlessandro Benedetti profile image

"Piacere, Cosimo"
Si è presentato così, con un sorriso, quando ci siamo conosciuti davanti a Nove 25, il suo negozio di gioielli a Lugano, che appena un mese fa ha compiuto tre anni. Tre anni di successi che hanno lasciato il segno, motivo per cui mi sono fatto raccontare chi è Guè Pequeno.

Hai tatuato sul braccio lo stemma di Milano, tuo immortale amore. Cosa significa per te Lugano, perché la decisione di trasferirti?

Semplicemente la voglia di vivere in una città tranquilla, vicino al lago e alla montagna, pur essendo vicino a Milano, così da esserci spesso a lavorare.

La storia che racconta della nascita di Nove25 ricorda molto i successi americani: partiti da un ‘garage’ di Milano, arrivati a quattro store europei di successo. Cosa significa per te Nove25 e cosa significhi tu per questa realtà?

Sono socio del negozio di Nove 25 Lugano, purtroppo [ride]. Roby e il team di Nove25 hanno tutta la mia stima e rispetto per la loro storia e crescita.

Ti contraddistingue il gusto per gioielli e orologi. Che cosa ti ha colpito e attirato di Nove25, quali sono stati gli elementi più interessanti di questo progetto?

Il fatto di essere residente qua, in Svizzera, e l’imminente apertura del negozio all’epoca hanno fatto scegliere ai miei soci di collaborare, vista l’amicizia e il mio supporto al brand dal giorno Uno.

Hai fatto televisione (Club Privè, Spit Gala), sei stato in radio (DeeJay, 105), ti sei fatto strada con la musica (innumerevoli ‘disco d’oro’ FIMI), moda (Z€N), imprenditoria (etichetta discografica). Cosimo Fini è arrivato, oppure ha ancora tanto da dare e dimostrare?

In questo momento mi interessa solo mantenere il mio status e fare musica sempre forte. Non mi interessa produrre artisti, ma lanciarmi in altri campi di imprenditoria.

Tra 10 anni vestirai ancora i panni del rapper, o hai altri orizzonti per la tua vita e la tua carriera?

Solo pochi artisti arrivano al famoso “punto di non ritorno”. Quando il tuo status è immortale, come Jay-Z in America, un Bushido in Germania o Booba in Francia. Non ho ancora raggiunto la loro età quindi non so con precisione... spero di ampliare gli altri business che già ho oltre alla musica.

Fabri Fibra ft. Thegiornalisti, Ex-Otago ft. Jake La Furia, Dargen D'Amico ft. Isabella Turso.
Quest’anno la scena dell’hip-hop e del rap italiano si è legata molto a correnti musicali differenti. Qual è un artista con cui vorresti collaborare, lontano dal tuo panorama artistico?

In questo momento non mi interessa collaborare con nessun cantante pop italiano, onestamente…

Oltre al tanto odiato ‘Pinocchio’, ci sono artisti con i quali ti sei pentito di aver collaborato?

Pinocchio [Fedez] non è tanto odiato, gli è solamente stato risposto, come è giusto che sia a una persona che non si deve permettere di parlare riguardo ad argomenti che non gli competono.

Salmo, Ghali, Sfera Ebbasta – tutti i nomi “caldi” del momento sono passati fra le tue mani. Un artista emergente da tenere d’occhio per il 2017?

Il Rap game italiano è finalmente diventato forte e veloce, ci sono tanti artisti giovani forti. Mi piace molto la trap, scommetto su Vale Lambo di Napoli.