Giulia FacchiniGiulia Facchini profile image

La trasformazione di una grande passione in lavoro grazie all’utilizzo di diversi mezzi di comunicazione

“Guardare avanti ma con un occhio al passato, per vedere sempre se stessi ma cresciuti, cambiati e pronti per il futuro”: ecco come Eleonora Pelli descrive il suo approccio alla vita. Questo le ha permesso la creazione di uno dei primi blog di cucina del Ticino “Asinochileggeancora”, dell’omonima App e di tre libri di cucina. Inoltre, ha ampliato la sua offerta attraverso catering e corsi di cucina.

La decisione di incentrare la carriera nell’ambito culinario non è stata immediata, infatti, dopo il liceo, ha frequentato l’École hôtelière di Losanna specializzandosi in finanza arrivando a lavorare presso una multinazionale. Nel frattempo, grazie al supporto delle persone a lei vicine, il 24 settembre 2011, con la pubblicazione del primo post, è nato il blog “Asinochileggeancora”. Lo scopo era di usare questa piattaforma come una valvola di sfogo e, inoltre, alimentare la sua passione per la cucina. Il fil rouge del blog consiste ancora oggi di unire ricette con pensieri e fatti di vita quotidiana.

Prendendo sempre più consapevolezza del suo amore per la cucina ha deciso di cambiare direzione, lasciando l’ambito finanziario e andando alla Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu a Parigi. Con questa svolta, e l’attestato ricevuto dalla scuola, ha deciso di dedicarsi appieno alla sua passione e iniziare un nuovo percorso. Un cambiamento importante è avvenuto grazie al viaggio di 100 giorni fatto in Asia, il quale, oltre a essere un’esperienza importante per Eleonora, è diventato un capitolo stesso del blog, rafforzandone il contenuto e la struttura.

Con “Asinochileggeancora” sempre più conosciuto, sono nati anche i corsi di cucina. Anch’essi sono iniziati in modo ludico, infatti erano degli incontri tra amiche interessate a imparare alcune ricette. Successivamente sempre più persone volevano parteciparvi e questo ha portato Eleonora a rendere questi appuntamenti una vera e propria scuola di cucina.

L’omonima app, invece, è stato un regalo di natale per tutte le persone che seguivano il blog. Infatti, è molto più intuitiva e permette di trovare le ricette in modo semplice e veloce.

Oltre all’uso di questi due mezzi di comunicazione, in tutto il suo percorso, ha pubblicato 3 libri. Il primo è nato come un regalo per un’amica, ma da questa base è stato sviluppato “Ti concio per le feste”. Negli anni successivi Eleonora ha pubblicato “Ciccioni per finta” ed “È pronto”.

L’unione del digitale con l’analogico le ha permesso di creare un “funghetto”, come lo definisce lei, ovvero una struttura con la cucina come gambo a supporto del cappello composto da: blog, app e libri; ognuno dei quali con una caratteristica differente. Inoltre, non possiamo non considerare Facebook e Instagram, che negli anni si sono uniti e aggiungono un aspetto più personale di vita quotidiana. Questo percorso rappresenta l’unicità di Eleonora, la quale ha saputo usare in modo differente tutti gli strumenti comunicativi trasformando la sua passione in un lavoro.